Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘fabio pusterla’

Oggi vogliamo segnalare l’intervista video ad Andrea Zanzotto, nostro patriarca, visibile nel sito del “Corriere della Sera”:

http://video.corriere.it/andrea-zanzotto-poesia-siamo-cresciuti-insieme/d40a5dc2-561e-11e0-9d72-1f2c6c541e94

Andrea Zanzotto non è mai venuto a Dire poesia perché le sue condizioni di salute l’hanno sempre impedito; noi, però, l’abbiamo sempre invitato lo stesso.

Annunci

Read Full Post »

… come il corpo dell’ultimo libro di poesie di Fabio Pusterla (Marcos y Marcos, 2010), graditissimo ospite a Dire poesia 2011.

Davanti a un pubblico folto e partecipe, Pusterla ha letto una selezione di sue poesie, raccontandone genesi, storia e ragioni, e rispondendo alle domande del prof.  Andrea Afribo (Università di Padova).

Ecco qualche immagine del pomeriggio di ieri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

N.B. Il blog Poesia di Luigia Sorrentino, presente nel sito di RaiNews24, ha pubblicato un’ampia presentazione di Dire poesia 2011. Grazie! si veda: http://poesia.blog.rainews24.it/2011/03/25/dire-poesia-2011-la-poesia-dei-contemporanei/

Read Full Post »

 Domani, venerdì 25 marzo, alle ore 18.00, nel Salone di Apollo di Palazzo Leoni Montanari di Vicenza, il poeta ticinese Fabio Pusterla leggerà i suoi versi conversando con il prof. Andrea Afribo (Università di Padova). L’ingresso è libero.

Fabio Pusterla è uno dei poeti italiani più importanti degli ultimi decenni.

Nato a Mendrisio (Canton Ticino) nel 1957, si è laureato in Lettere a Pavia, insegna al Liceo Cantonale di Lugano e vive tra la Svizzera italiana e il Nord Italia.

La sua prima raccolta poetica è Concessione all’inverno (Casagrande, Bellinzona 1985, nuova edizione 2001). I libri successivi sono stati tutti pubblicati dall’editore milanese Marcos y Marcos: Bocksten (1989, poi 2003), Le cose senza storia (1994, poi 2007), Pietra sangue (1999), Folla sommersa (2004) e Corpo Stellare (2010). Nel 2009 ha pubblicato per Einaudi il volume antologico Le terre emerse. Poesie 1985-2008. Sue poesie sono inoltre presenti in numerose antologie.

Attivo anche come saggista e ricercatore, tra i suoi lavori sono da citare il volume Cultura e linguaggio della Valle Intelvi, con Claudia Patocchi (La Comasina, Senna Comasco 1983); l’antologia Lombardia, in collaborazione con Angelo Stella e Cesare Repossi (La Scuola, Brescia 1990); l’edizione critica delle opere narrative del napoletano Vittorio Imbriani (Longanesi/Guanda, Milano 1992-1994). Il nervo di Arnold. Saggi e note sulla poesia contemporanea (Casagrande, Bellinzona 2007) raccoglie parte dei suoi interventi critici. In Una goccia di splendore. Riflessioni sulla scuola, nonostante tutto (ivi 2008) ha raccontato la sua esperienza di insegnante. Collabora, inoltre, a numerose riviste letterarie italiane, svizzere e francesi.

Come traduttore si è occupato soprattutto di Philippe Jaccottet, curandone numerose opere poetiche e in prosa, nonché della notevole antologia di poesia francese contemporanea Nel pieno giorno dell’oscurità (Marcos y Marcos, Milano 2000).

Le sue opere, tradotte in numerose lingue europee, hanno ottenuto il Premio Montale (1986), il Premio Schiller (1986, 2000), il Premio Dessì (2009), il Premio Lionello Fiumi (2008, 2010), il Premio Prezzolini per la traduzione (1994), il Premio Marazza (2009) e, nel 2007, l’importamte premio letterario svizzero Prix Gottfried Keller per l’insieme dell’opera.

La poesia di Fabio Pusterla muove dall’esempio del lombardo Vittorio Sereni per approdare a una parola originale, ferma, coraggiosa e precisa.

Pusterla sembra scavare a fondo nel presente per rintracciarvi i segni di un passato che ritorna a soprassalti; allo stesso tempo, pare ricerchi nel futuro una continuità tra i vivi, i morti e i nascituri che sia in grado di salvare l’autenticità del vivere dal progressivo diluirsi del senso.

L’azzardo di tale tentativo è reso felice da uno stile che negli anni è cresciuto in nitore e suggestioni, ponendosi come una delle esperienze poetiche più significative del nostro presente.

Pubblichiamo l’inedito che l’Officina sta stampando con ritmi e passioni d’altri tempi (=schavistici):

Terra ritrovata

 di Fabio Pusterla

 

Per ritrovare la terra occorreva smarrirla, forse,

perdere tutto e poi vagare nel fumo

di città sconosciute, pungenti. Dal gabbiotto

di uno che vendeva girasoli

poteva anche riemergere a sorpresa un antico vascello,

goletta di corno e madreperla, la memoria scomparsa

con le sue vele lacere, ferite da pirata, scogli,

la stiva colma di rane semivive,

pettirossi tremanti. Desolante, consolante,

chi può dirlo? La nave necessaria per solcare

certi flutti inquietanti, l’onda nera degli anni,

i fondali angosciosi.

La nave più impossibile,

l’unica forse in grado di raggiungere

il porfido e il basalto di una costa,

la pace provvisoria di un sorriso.

Read Full Post »

 

Ecco il programma di Dire poesia 2011:

lunedì 21 marzo
MEENA ALEXANDER

introduce Marco Fazzini
Palazzo Leoni Montanari, ore 18.00
in collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati,
Università Ca’ Foscari di Venezia

venerdì 25 marzo
FABIO PUSTERLA

introduce Andrea Afribo
Palazzo Leoni Montanari, ore 18.00

domenica 3 aprile
JOHN AKPATA

introduce Marco Fazzini
Ridotto del Teatro Comunale, ore 18.00
in collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati,
Università Ca’ Foscari di Venezia

mercoledì 6 aprile
JACQUES ROUBAUD

con PIERGIORGIO ODIFREDDI
introduce Eliana Vicari
Palazzo Leoni Montanari, ore 18.00
in collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati,
Università Ca’ Foscari di Venezia

martedì 12 aprile
ADAM ZAGAJEWSKI

introduce Stefano Strazzabosco
Odeo del Teatro Olimpico, ore 18.00

martedì 19 aprile
IDA VALLERUGO
introduce Anna De Simone
Odeo del Teatro Olimpico, ore 18.00

sabato 30 aprile
ERIKA CROSARA

MAURIZIO CASAGRANDE
Dire poesia off, L’Officina, ore 17.30

sabato 7 maggio
JUAN IGNACIO SILES DEL VALLE
con GIOVANNI GUIDI
introduce Manuela Magnoni
Palazzo Leoni Montanari, ore 18.00
in collaborazione con Vicenza Jazz

domenica 8 maggio
ANNE WALDMAN

con AMBROSE BYE
introduce Rita Degli Esposti
Palazzo Leoni Montanari, ore 18.00
in collaborazione con Vicenza Jazz e Ispida

venerdì 27 maggio
TAHAR BEN JELLOUN

introduce Paolo Ruffilli
Palazzo Leoni Montanari, ore 18.00
in collaborazione con il Festival Biblico

Read Full Post »